Privacy e legge sui cookies

INFORMATIVA
EX ART. 13 Cod. PRIVACY (D.LGS 196/2003) – ARTT. 13-14 REG.TO UE (Regolamento 679/2016)

Gent.le Signora / Egr. Signore,

lo Studio Oculistico Dott. Antonio Vercesi Le rilascia, ai sensi degli artt. 13, 79, e 81 del Codice Privacy e degli artt. 13 e 14 Reg.to UE, le informazioni relative al trattamento dei Suoi dati personali, compresi quelli sensibili (così come definititi ex art. 4 comma 1 lett. b e d) del Codice Privacy, connessi alla prestazione sanitaria da Lei richiesta e/o a Lei erogata. Dati che saranno trattati in modo estremamente confidenziale, in conformità alle norme sulla Privacy nonché di buona pratica clinica.

Titolare – Responsabile del trattamento e della protezione dei dati
Il Titolare del trattamento dei Suoi dati è lo Studio Oculistico Dott. Antonio Vercesi con sede in via Massa Saluzzo 20 Tortona 15057 (AL), specificamente nella persona del Dott. Antonio Vercesi.
I collaboratori dello Studio Oculistico (personale amministrativo, medico, socio-sanitario) sono tutti dotati di specifico incarico al trattamento dei dati.

Finalità del trattamento
Lo Studio Oculistico La informa che tratterà i dati personali – quali informazioni anagrafiche, dati clinici e sensibili, idonei a rivelare il Suo stato di salute – da Lei comunicati e raccolti presso la scrivente struttura, nella misura strettamente necessaria per adempiere alle seguenti finalità:
– svolgimento di attività di diagnosi, cura e riabilitazione, compresi servizi diagnostici, terapeutici e qualsivoglia altro servizio erogato dallo Studio su richiesta del soggetto interessato;
– erogazione di attività sanitarie diverse da quelle indicate al precedente punto, comunque connesse alla salute degli utenti;
– attività di gestione amministrativa dei servizi offerti dallo Studio Oculistico.

Modalità del trattamento
I Suoi dati personali e sensibili saranno registrati, elaborati, gestiti ed archiviati con l’ausilio di strumenti elettronici informatici (Dossier Sanitario elettronico) e in forma cartacea, comunque in modo tale da garantire la sicurezza e la riservatezza dei dati stessi.

Natura del conferimento dei dati
Il consenso al trattamento dei Suoi dati personali è indispensabile al fine dell’erogazione della prestazione medica richiesta (ivi comprese le attività amministrative correlate), poiché il mancato consenso impedirebbe di usufruire della prestazione stessa.

I destinatari dei dati: ambito di comunicazione e diffusione dei dati
I Suoi dati personali non sono resi disponibili a terzi soggetti, fatta eccezione per le Autorità Sanitarie (es. ASL, Ospedali), in ogni caso con modalità tali da garantirne la riservatezza.
Inoltre, lo Studio Oculistico può comunicare i Suoi dati anche:
– alle Autorità di pubblica sicurezza, all’Autorità giudiziaria e a altri soggetti pubblici o privati rispetto ai quali la comunicazione è obbligatoria ai sensi di legge;
– ad Enti pubblici e/o privati (compagnie di assicurazione, casse mutue, fondi sanitari integrativi) che forniscono la copertura assicurativa delle prestazioni erogate;
– ai Medici di Medicina generale.
– divulgare i Suoi dati nell’ambito di pubblicazioni scientifiche o statistiche in forma rigorosamente anonima.
Possono inoltre venire a conoscenza dei Suoi dati in veste di “responsabili” o “incaricati al trattamento dei dati” dello Studio Oculistico il personale medico, infermieristico, ausiliario e amministrativo.

Lo Studio Oculistico La avverte inoltre che provvederà a dare notizia sul passaggio o sulla presenza dell’interessato solo a terzi legittimati (parenti, familiari, conviventi). L’interessato deve essere preventivamente informato al momento dell’accesso alla struttura e poter decidere a quali soggetti possa essere comunicata la sua presenza. Le informazioni circa lo stato di salute possono essere comunicate a terzi legittimati solo previo consenso dell’interessato, ad eccezione del caso di impossibilità fisica o incapacità dello stesso.

Trasferimento dei dati all’estero
I Suoi dati personali potranno essere oggetto di trasferimento anche verso Paesi non appartenenti all’Unione Europea solo quando ricorrono talune condizioni (vedi anche l’art 43 Codice Privacy), ossia:
– se l’interessato manifesta il proprio consenso espresso o, se si tratta di dati sensibili, in forma scritta;
– se è necessario per la salvaguardia di un interesse pubblico rilevante individuato con legge o con regolamento ovvero, se il trasferimento riguarda dati sensibili o giudiziari, specificato o individuato ai sensi degli articoli 20 e 21 del D.lgs.196/2003; 
- se è necessario per la salvaguardia della vita o dell´incolumità fisica di un terzo o dell’interessato stesso e quest´ultimo non può prestare il proprio consenso per impossibilità fisica, per incapacità di agire o per incapacità di intendere o di volere ed il consenso è manifestato da chi esercita legalmente la potestà, ovvero da un prossimo congiunto, da un familiare, da un convivente o, in loro assenza, dal responsabile della struttura presso cui dimora l´interessato. Inoltre si applica la disposizione di cui all´articolo 82, comma 2, del D.lgs. 196/2003, il quale disciplina le Emergenze e la tutela della salute e dell´incolumità fisica dell’interessato: nel caso in cui non si riesca a dare l’informativa ed ad ottenere il consenso dell’interessato, in quanto quest’ultimo soggiace in uno stato di impossibilità fisica, incapacità di agire o incapacità di intendere o di volere, e non è possibile acquisire il consenso da chi esercita legalmente la potestà, ovvero l’interessato si trova di fronte ad un rischio grave, imminente ed irreparabile per la sua salute o l’incolumità fisica, in questi casi l´informativa e il consenso al trattamento dei dati personali possono intervenire senza ritardo successivamente alla prestazione;
– se è effettuato in accoglimento di una richiesta di accesso ai documenti amministrativi, ovvero di una richiesta di informazioni estraibili da un pubblico registro, elenco, atto o documento conoscibile da chiunque, con l´osservanza delle norme che regolano la materia;
- se è necessario, in conformità ai rispettivi codici di deontologia di cui all´allegato A), per esclusivi scopi scientifici o statistici, ovvero per esclusivi scopi storici presso archivi privati dichiarati di notevole interesse storico ai sensi dell´articolo 6, comma 2, del decreto legislativo 29 ottobre 1999, n. 490, di approvazione del testo unico in materia di beni culturali e ambientali o, secondo quanto previsto dai medesimi codici, presso altri archivi privati;
- se il trattamento concerne dati riguardanti persone giuridiche, enti o associazioni: è consentito quando è autorizzato dal Garante sulla base di adeguate garanzie per i diritti dell´interessato.

Diritti dell’interessato
In qualità di soggetto interessato al trattamento dei dati personali, Lei potrà in qualunque momento avvalersi delle facoltà e dei diritti previsti dall’art. 7 D.lgs. 196/20013 e dall’art. 13 comma 2 lett. re a) b) c) d) e) Reg.to UE 679/2016.
In particolare a Lei spetta:
– Il diritto di ottenere la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che La riguardano;
– Il diritto di accesso, ossia ad avere comunicazione dei dati che la riguardano dietro semplice richiesta;
– Il diritto di opposizione che prevede la possibilità di opporsi al trattamento dei propri dati personali per motivi legittimi.
– Il diritto di rettifica quale Suo diritto, in qualità di soggetto interessato, di ottenere da parte del Titolare che siano modificati, corretti e/o aggiornati i dati che lo riguardano al fine di garantirne la veridicità;
– Il diritto all’oblio, ossia a vedere cancellati i dati che La riguardano. Al fine dell’attuazione del diritto all’oblio appare tuttavia necessario distinguere tra due situazioni. Infatti: se il trattamento dei dati è effettuato in via subordinata alla prestazione del consenso, la revoca dello stesso costituisce un requisito necessario e sufficiente alla cancellazione dei dati; ove, invece, i dati siano stati raccolti per finalità o tipologie di trattamenti per le quali il consenso non è richiesto, la cancellazione potrà essere attuata solo qualora i dati personali non siano più necessari rispetto alle finalità per le quali sono stati raccolti o trattati.
– Il diritto di limitazione del trattamento è il diritto a Lei riconosciuto che ha come scopo quello di limitare l’utilizzo del trattamento dei dati a quanto necessario ai fini della loro conservazione. Il diritto alla limitazione del trattamento dei dati è tuttavia previsto solo in taluni casi particolari previsti dalla norma, ossia: ove l’interessato contesti l’esattezza dei dati personali (ma per il periodo strettamente necessario affinché il Titolare ne verifichi l’esattezza); ove, in presenza di un trattamento illecito, l’interessato si opponga alla cancellazione dei dati; ove, qualora il Titolare non abbia più necessità di conservare i dati, sussista da parte dell’interessato l’interesse alla loro conservazione ai fini dell’esercizio o difesa di un diritto in sede giudiziaria; e infine, il diritto alla limitazione del trattamento può essere esercitato in caso di opposizione al trattamento, ma solo per il tempo utile a stabilire la preminenza tra l’interesse del Titolare del trattamento e il diritto dell’interessato. La limitazione può essere revocata in qualsiasi momento: prima dell’efficacia della revoca il Titolare deve informare il soggetto interessato.
– Il diritto alla portabilità dei dati che consente all’interessato di ricevere in un formato di uso comune i dati personali che lo riguardano e di trasmetterli ad un altro Titolare. L’applicazione di tale diritto è tuttavia subordinata a tre condizioni: a) i dati devono riguardare il soggetto “interessato”; b) i dati devono essere stati “forniti” dall’interessato stesso (in tal caso il termine “dati forniti dall’interessato” deve essere interpretato in senso lato intendendosi per tali anche i dati raccolti attraverso monitoraggio o registrazione delle attività umane della persona); c) non deve essere leso alcun diritto altrui.
– Il diritto di revocare il consenso al trattamento dei dati in qualsiasi momento senza pregiudicare la liceità del trattamento basata sul consenso prestato prima della revoca;
– Il diritto di proporre reclamo: fatto salvo ogni altro ricorso giurisdizionale, qualora l’interessato ritenga che il trattamento che lo riguardi violi gravemente il Regolamento europeo 679/2016 ha diritto di proporre reclamo all’Autorità di controllo dello Stato in cui risiede.

Periodo di conservazione dei dati
Il periodo di conservazione dei dati previsto dallo Studio Oculistico è illimitato. A tale riguardo si ricorda che i referti delle indagini diagnostiche e la cartella clinica, comprensiva di tutti i documenti che la compongono, sono documenti unici e pertanto soggetti a conservazione permanente.

DOSSIER SANITARIO ELETTRONICO

Dossier Sanitario
Il dossier sanitario elettronico è lo strumento costituito presso un’unica struttura sanitaria che raccoglie le informazioni sulla salute del paziente al fine di documentarne la storia clinica presso quella singola struttura e offrirgli un migliore processo di cura.
Il dossier sanitario rappresenta quindi un trattamento di dati personali e sensibili specifico, volto a documentare parte della storia clinica del paziente attraverso la realizzazione di un sistema integrato delle informazioni sul suo stato di salute accessibile da parte del personale sanitario della nostra struttura che lo cura.
Il trattamento dei dati sanitari effettuato tramite il dossier costituisce, pertanto, un trattamento ulteriore rispetto a quello effettuato dal professionista sanitario con le informazioni acquisite in occasione della cura del singolo evento clinico per il quale l’interessato si rivolge ad esso. In assenza del dossier sanitario, infatti, il professionista avrebbe accesso alle sole informazioni fornite in quel momento dal paziente e a quelle elaborate in relazione all’evento clinico per il quale lo stesso ha richiesto una prestazione sanitaria.

Finalità del trattamento attraverso il Dossier Sanitario
Il dossier sanitario serve a rendere più efficienti i processi di diagnosi e cura del paziente all’interno dello Studio Oculistico, consentendo ai professionisti che vi operano di accedere a tutte le informazioni cliniche relative ai precedenti trattamenti effettuati dall’assistito presso la stessa struttura.

Natura del consenso al trattamento dei dati contenuti nel Dossier Sanitario
La creazione del Dossier Sanitario Elettronico e la consultazione delle informazioni in esso indicizzate sono operazioni che possono avvenire solo attraverso il consenso specifico ed espresso dell’interessato. A tal riguardo, lo Studio Oculistico Dott. Antonio Vercesi La informa che il consenso alla creazione del dossier e all’implementazione dello stesso con i Suoi dati clinici pregressi è libero e facoltativo. All’interessato deve essere, infatti, consentito di scegliere, in piena libertà, che le informazioni cliniche che lo riguardano siano trattate o meno in un dossier sanitario, garantendo anche la possibilità che i suoi dati sanitari restino disponibili solo al professionista sanitario che li ha redatti, senza la loro necessaria inclusione in tale strumento. L’interessato ha altresì la possibilità di decidere se implementare o meno il proprio dossier anche con riguardo ai dati pregressi. Inoltre, sebbene l’eventuale mancato consenso, totale o parziale, alla costituzione del dossier sanitario non incida sulla possibilità di accedere alle cure mediche richieste, lo Studio Oculistico Dott. Antonio Vercesi invita i propri pazienti a riflettere bene prima di negare tale consenso: il dossier, infatti, è uno strumento importante al fine di potere offrire una migliore prestazione sanitaria, in quanto una conoscenza approfondita della storia clinica del paziente giova ad una più efficace ricognizione degli elementi utili alle valutazioni del singolo caso clinico.
Particolari casi di consenso
I dati soggetti a maggiore tutela dell’anonimato, ovvero quelli relativi ad atti di violenza sessuale o di pedofilia, ad infezioni da HIV o all’uso di sostanze stupefacenti, di sostanze psicotrope e di alcool, alle prestazioni erogate alle donne che si sottopongono ad interventi di interruzione volontaria di gravidanza o che decidono di partorire in anonimato, possono essere trattati mediante dossier solo previa acquisizione di un autonomo e specifico consenso dell’interessato, che può essere raccolto unitamente a quello del dossier o in occasione dell’erogazione della specifica prestazione sanitaria.

Prestazioni in emergenza
L’informativa e il consenso al trattamento dei dati personali e alla formazione e implementazione del dossier possono intervenire, senza ritardo, successivamente alla prestazione: 1. per l’emergenza sanitaria o di igiene pubblica (ad es., nei casi di rischio di insorgenza di patologie su soggetti terzi a causa della condivisione di ambienti con l’interessato); 2. nel caso di impossibilità fisica, incapacità di agire o incapacità di intendere o di volere dell’interessato, quando non è possibile acquisire il consenso di chi esercita legalmente la potestà, da un prossimo congiunto, da un familiare, da un convivente, o in loro assenza, dal responsabile della struttura presso cui dimora l’interessato; 3. nel caso di rischio grave, imminente e irreparabile per la salute o l’incolumità fisica dell’interessato; 4. in caso di prestazione medica, che può essere pregiudicata dall’acquisizione preventiva del consenso, in termini di tempestività o efficacia.

Modalità di trattamento dei dati contenuti nel Dossier Sanitario
Previo consenso alla formazione e implementazione del dossier con tutte le informazioni che riguardano il Suo stato di salute i Suoi dati personali saranno registrati, elaborati, gestiti ed archiviati in forma cartacea e/o con l’ausilio di strumenti elettronici informatici e comunque in modo tale da garantirne la sicurezza e la riservatezza.In particolare tramite il dossier sanitario il personale medico, infermieristico e amministrativo dello Studio Oculistico avrà accesso al percorso clinico da Lei effettuato presso il medesimo nosocomio.

Diritti dell’interessato
Il paziente può in ogni momento ottenere informazioni sul trattamento dei suoi dati e sulle modalità e finalità sottese allo stesso. In particolare l’interessato può chiedere l’aggiornamento, la rettifica o l’integrazione dei propri dati trattati tramite il dossier e può esercitare l’oscuramento anche momentaneo dei propri dati.
Tracciabilità degli accessi alle informazioni contenute nel Dossier
I Suoi dati clinici (ad es., referti di laboratorio, referti di visite) confluiscono in un archivio informatizzato dello Oculistico Dott. Antonio Vercesi che, previa Sua autorizzazione, è consultabile da tutti i sanitari che operano all’interno dello stesso mediante idonee procedure informatizzate che permettono, non solo di identificare e tracciare l’identità dell’operatore sanitario (personale medico, infermieristico, ausiliario e amministrativo) che accede alle informazioni del paziente tramite il Dossier ma altresì di chiedere motivazione di tale accesso. Il Garante con le linee guida sul dossier del 2015 ha previsto altresì che l’interessato possa chiedere di conoscere gli accessi eseguiti sul proprio dossier con l’indicazione dell’operatore che ha effettuato l’accesso, nonché della data e dell’ora dello stesso.

Mancato consenso alla formazione del dossier

L’eventuale mancato consenso al trattamento dei dati mediante dossier non incide sulla possibilità di accedere alle cure mediche richieste, con la precisazione che il mancato consenso potrebbe diminuire l’efficacia delle cure prestate. In questo caso, lo Studio Oculistico Dott. Antonio Vercesi non avrà responsabilità qualora eventi imprevisti si verificassero a causa del mancato consenso.

Oscuramento dei dati contenuti nel dossier
Ferma restando l’indubbia utilità di un dossier sanitario il più possibile completo, l’interessato può decidere di oscurare referti di talune visite, che dunque non saranno visibili e consultabili tramite il dossier, sempre con la precisazione che l’oscuramento potrebbe diminuire l’efficacia delle cure prestate. In questo caso, lo Studio Oculistico Dott. Antonio Vercesi non avrà responsabilità qualora eventi imprevisti si verificassero a causa dell’oscuramento dei dati. L’oscuramento dell’evento clinico è revocabile nel tempo.

Consenso alla formazione del dossier in caso di incapacità di agire dell’interessato
In caso di incapacità di agire dell’interessato il consenso deve essere acquisito da chi esercita la potestà legale sull’interessato. In caso di minori, una volta raggiunta la maggiore età, il consenso dell’interessato deve essere acquisito nuovamente.

Revoca del consenso
L’interessato può in qualsiasi momento revocare il consenso precedentemente prestato, in questo caso il dossier sanitario non può essere implementato ulteriormente: le informazioni devono restare disponibili al professionista che le ha redatte ma non devono più essere condivise con i professionisti degli altri reparti che prenderanno in seguito in cura l’interessato.

Sistema Tessera Sanitaria
Il programma Optigest e’ dotato di apposita casella da utilizzare per l’opposizione eventuale del paziente al Sistema Tessera Sanitaria. Infatti a tutti i pazienti viene chiesto se desiderano fare opposizione all’invio, per altro obbligatorio, della relativa ricevuta fiscale al Sistema Tessera Sanitaria, portale del Ministero dell’Economia e delle Finanze : in tal caso, spuntando l’apposita dicitura, il programma farà comparire sulla fattura stessa la dicitura di opposizione con firma del paziente e pertanto il Commercialista non la invierà.

Il Titolare Responsabile del trattamento e della protezione dei dati dello Studio dott. Antonio Vercesi rimarrà in qualsiasi momento a disposizione per qualsiasi chiarimento/delucidazione a riguardo.
Questa Informativa potrà anche essere comodamente letta in qualsiasi momento sul Sito Internet dello Studio all’indirizzo www.studioavercesi.it.
Se necessario potrà anche richiederne copia cartacea in Reception.

Si informa anche, a ulteriore protezione dei dati e per questioni di sicurezza generale, che lo Studio Oculistico Dott. Antonio Vercesi è dotato di porte blindate agli ingressi e di inferriate alle finestre oltrechè di sistema di allarme.

Sono installate in Studio due telecamere a circuito chiuso/interno (Responsabile dott. Antonio Vercesi) localizzate una in Sala d’aspetto e una in Reception, non registrano né video né audio, normalmente non vengono attivate/visualizzate , possono eventualmente venire attivate in modalità “live” (comunque mai in registrazione) aprendo specificamente un programma del computer principale dello Studio (esclusivamente dal Titolare/Responsabile) per garantire la sicurezza delle persone presenti nello studio.
Dott. Antonio Vercesi